E’ stato un piacere conoscere di persona Michal Gawel, uno dei più esperti SEO in circolazione e uomo dai mille interessi. Probabilmente il suo stile “low-profile” nei confronti dei social lo rende alla massa meno conosciuto di altri nomi, ma i suoi lavori parlano per lui: Bakeca.it, Il Sole 24 Ore, Ibs.it, Eprice.it ti dicono qualcosa?

Appena ventenne Michal è arrivato in Italia nel 2004 con pochi euro in tasca e tantissima determinazione. In meno di 2 anni Michal ha fondato Seolab, una delle più importanti società di Web Marketing italiane e lavorato con clienti del calibro di Vodafone, IBS, Vivaticket, Il Secolo XIX, Deagostini e Liquida.
 

intervista a Michal Gawel
 
Ora è tornato in Polonia, suo paese natale, è un SEO freelancer e ha mille sogni del cassetto per il futuro: un’agenzia multimediale, viaggiare… aprire un bed and breakfast.

Michal è un pozzo di idee, tanto ambiziose quanto concrete e fare due chiacchiere con lui mi ha dato conferma di quanto ci sia bisogno di figure davvero professionali nel nostro settore: la SEO continua ad essere un investimento che ogni azienda con obiettivi a lungo termine nel web dovrebbe mettere a budget da subito.
 

1Michal, come hai iniziato a fare questo lavoro?

Ho iniziato questo lavoro facendo uno stage a Bakeca.it nel lontano 2005. Bakeca aveva bisogno di un supporto lato SEO, e io avevo tanta voglia di imparare questo mestiere. Ho ricevuto il compito di posizionare il brand Bakeca tra i primi nel settore annunci, e, anche se non avevo esperienze precedenti in merito, sono riuscito ad incrementare decisamente il traffico di Bakeca contribuendo alla crescita di questa start-up di successo.
 

2Quali sono stati i tuoi progetti di maggiore successo e a cosa stai lavorando ora?

Ho lavorato sui diversi progetti tra cui Bakeca.it, Secolo XIX, Il Sole 24 Ore, Ibs.it, Eprice.it , Liquida.it e altri. Negli anni 2006-2011 ho co-fondato e contribuito alla crescita dell’agenzia SEOLAB specializzata in Web Marketing, venduta nel 2013 ad Alkemy. Ora mi sto focalizzando su progetti internazionali tra cui Wickedin.it. Diciamo che dopo aver co-fondato la società di Web Marketing Seolab, ora sono un SEO Freelance, che fornisce servizi di Consulenza Web Marketing mirata a progetti internazionali con una forte componente SEO. Focus: Italia, Spagna e America Latina.
 

intervista a Michal Gawel
 

3Se dovessi spiegare al titolare di un business online perché curare la SEO è indispensabile, cosa gli diresti?

Gli direi che per fare soldi ha bisogno di traffico. E per fare traffico ha bisogno di SEO 🙂
 

4Se invece dovessi dare un consiglio a chi vuole intraprendere questo mestiere, quale sarebbe?

Penso che un buon SEO apprendista dovrebbe cominciare la sua avventura cercando di fare qualche progetto indipendente come prima esperienza. Il secondo step sarebbe quello di lavorare in un’agenzia specializzata nella SEO. E il terzo sarebbe quello di fare il freelance, oppure fare l’ “imprenditore seo” , come amo definirmi io.
 

5Dopo gli ultimi aggiornamenti algoritmici di Google, quale strategia di acquisizione backlink ritieni ancora vincente?

Non esiste e non esisterà mai, una macro-strategia “buona” di backlink. Esiste invece una strategia corretta da applicare su un concreto progetto. Per intraprendere una strategia di link bisogna partire da una attenta analisi di competitors, usando tool professionali come ad esempio MajesticSEO. Il vecchio approccio di fare backlinking non integrandolo allo studio dei competitors e delle keywords comuni é diventato un ottimo modo di perdere tempo inutilmente.
 

intervista a Michal Gawel
 

6Che tipo di impatto hanno i social media sulle tue strategie SEO? Sono necessari o non indispensabili?

Per quanto riguarda la mia evoluzione professionale ho optato per un’altra strada e ho deciso di andare verso quella di SEO Specialist e Partner/Investitore di progetti Web in cui credo, più che lanciarmi come consulente SEO+Social.

I Social Media possono indubbiamente rilevarsi strategici per un progetto web, allo stesso tempo però l’attività di social media marketing è un’ attività particolarmente time-consuming, che necessita di risorse dedicate. Un freelancer SEO spesso non ha tempo di gestire anche i social. Nel mio lavoro quindi sono piu propenso a collaborare con specialisti del settore social più che dedicarmi io a quell’aspetto:)
 

7Qual è invece l’elemento fondamentale su cui un SEO oggi deve sapersi concentrare maggiormente per ottenere risultati?

Un SEO di oggi deve come mai prima “stare sempre sul pezzo”. Deve essere focalizzato sul progetto, utilizzare bene strumenti di analisi della concorrenza come SemRush e il già citato MajesticSEO e, cosa importante, non dovrebbe mai fidarsi troppo delle linee guida e dagli “avvertimenti terroristici ufficiali di Google” verificando sempre con i suoi occhi le giuste strategie SEO, questo si ottiene solamente grazie a continui esperimenti empirici.
 

intervista a Michal Gawel
 

8Come vedi il futuro della SEO nei prossimi 10 anni? Quali saranno secondo te le novità da tenere d’occhio?

In futuro non vedo grosse novità. Penso che il mestiere di SEO rimarrà un tassello importante del web marketing in generale. Avverrà (sta già avvenendo) la specializzazione per settori merceologici, nonchè per le tipologie di SEO (come SEO local, o SEO per e-commerce, SEO international, SEO Social etc.). Allo stesso tempo mi sembra che il mestiere di SEO a differenza del 2005, anno in cui ho iniziato io, sia ormai un mestiere definito, con chiare regole e chiare responsabilità. Ciò implica da una parte una maggiore chiarezza su quale siano i compiti di chi svolge questo mestiere, ma dall’altra anche meno opportunità di crescita professionale all’interno delle aziende. Insomma, la fortuna che ho avuto io nel 2005, ovvero quella di poter entrare in un progetto start-up molto promettente come Bakeca.it e fondare l’anno seguente una società SEO (Seolab) diventata leader del settore, oggi non credo possa capitare più a nessun SEO. Bisogna ammetterlo: la crisi la respiriamo (un pochettino), anche sul fronte SEO. 😉
 

E tu? Ogni giorno perdi potenziali clienti perchè non trovano i tuoi prodotti/servizi effettuando una ricerca su Google?
Siamo nel 2015 e non c’è più tempo: hai bisogno di ottimizzare quanto prima il tuo sito per i motori di ricerca e promuoverlo in modo efficace per aumentare le visite e le richieste di informazioni/vendite!
SEO e posizionamento sui motori: scopri QUI cosa possiamo fare per te

 

Piaciuto questo articolo? Perchè non leggi anche:

Last edit:

Una giornata con Michal Gawel: perchè l…

di Andrea Saletti tempo di lettura: 4 min