Grazie al content marketing si può realizzare una grande varietà di idee, da brevi post sul blog pubblicati all’interno del sito aziendale fino agli ebook, arrivando poi ai video sui social – come Youtube, Facebook, Instagram e Snapchat – che sono entrati a pieno titolo nelle tendenze digitali del 2016.

A proposito di Instagram e Snapchat, l’ultima novità in fatto di video riguarda proprio loro perché da poche settimane è entrato in scena Instagram Stories dove è possibile creare, editare, pubblicare, commentare, salvare e segnalare storie che durano 24 ore. Per una strategia di marketing risulta veramente un ottimo strumento, ma lo vedremo più avanti.
 
contenuti ecommerce
 
Come dicevamo ci possono essere centinaia di strategie di content marketing da prendere in considerazione ma in questo post ne segnalo 6 di massima importanza per il tuo e-commerce. Queste sei tattiche, se così vogliamo definirle, risultano ottimali e vincenti soprattutto per imprese che hanno un e-commerce di piccole e medie dimensioni. Partiamo con ordine.
 

1 La descrizioni dei prodotti

La prima strategia da seguire per avere un e-commerce che vende è sicuramente quella della descrizione testuale dei prodotti. Ciò significa che la foto, la bella foto di alta qualità, non basta.

Il lettore/utente/ipotetico cliente vuole di più. Desidera andare oltre alla bella foto e capire perché dovrebbe scegliere quel prodotto al posto di un altro. Perché dovrebbe scegliere proprio il tuo e non quello della concorrenza e soprattutto quali sono i vantaggi in termini di qualità, tempi e costi.

Tutto questo una foto non può comunicarlo, serve un testo elaborato a livello professionale che magari includa parole chiave per l’indicizzazione. Grandi, o forse anche artificiose, le descrizioni dei prodotti non solo descrivono il prodotto per gli acquirenti, ma servono per creare un legame emotivo portando così alla vendita.
 

2 I video informativi del prodotto o video tutorial

Strettamente legati alla descrizione dei prodotti ci sono i video dei prodotti. Questi strumenti ovviamente occupano più tempo per l’ideazione, la creazione, l’elaborazione e la condivisione rispetto alle descrizioni scritte, ma vi sono prove concrete con statistiche alla mano che possono aumentare notevolmente le visite convertendole in vendite.

Ad esempio per ogni scheda prodotto potete creare un video esplicativo, comunemente chiamato video tutorial, anche solo di 30 secondi, per mostrare il prodotto e il suo funzionamento.
 

3 Gli articoli utili

Gli articoli utili che aiutano i lettori a realizzare (e realizzarsi con il prodotto in questione) o a risolvere un problema sono, forse, la più alta forma di content marketing. Entrano nel bersaglio e c’entrano l’obiettivo con estrema praticità.

Questa strategia deve essere contenuta all’interno del vostro e-commerce, magari nella sezione blog del sito. In questo modo potrete diventare anche un punto di riferimento del vostro settore snocciolando curiosità, alternative e soluzioni utili!
 
marketing-board-strategy
 

4 I video istituzionali

Nell’articolo al punto 2 i video sono già stati menzionati, ma nel contesto dei prodotti e della loro descrizione meritano una profonda estensione. Insomma, un altro approfondimento. 

Un buon video – che racconta, emoziona e arriva dritto all’emotività dell’utente – è uno strumento molto potente in grado di attirare, coinvolgere e fidelizzare i clienti. Ciò significa che per raccontare la vostra azienda, la sua storia e la sua quotidianità in maniera molto veritiera e coinvolgente (i vostri clienti apprezzeranno!), è consigliabile aprire un canale Youtube dove caricare contenuti video con cadenza prestabilita.

In questo modo attirerete la simpatia dei vostri clienti prima ancora del prodotto!
 

5 La fotografia accattivante

Inutile dirvi quanto sia importante anche la parte fotografica per una buona strategia di content marketing. Questa va oltre una buona gestione dell’account Instagram o Pinterest. 

Una fotografia accattivante, studiata e in alta risoluzione, coinvolge i clienti e li incoraggia a condividere il contenuto sui propri account social. Basti pensare che nel 2014 i contenuti visivi, come ad esempio le foto, sono stati condivisi sui social media molto di più rispetto al testo.

Questo perché il contenuto visivo cattura prima l’attenzione, le immagini sono in qualche modo contagiose. Nella strategia dei contenuti le foto possono essere utilizzate con le descrizioni dei prodotti, in lookbooks, nei social media o per aumentare negli articoli le inquadrature del prodotto a sostegno della descrizione.
 

6 Il divertimento (concorsi, sondaggi e quiz)

I contenuti possono divertire, anzi devono! In ottica di content marketing hanno il compito di coinvolgere il più possibile.

Cos’è che attrae le persone? Lo spettacolo, la leggerezza e il gioco.
Una strategia di content marketing basata sul divertimento può avvalersi di concorsi, sondaggi e quiz distribuiti ad esempio in un post del blog o in post sui social per coinvolgere i potenziali clienti. 

I concorsi, invece, devono dare qualcosa ai concorrenti come la possibilità di vincere un premio. Essi sono anche un ottimo modo per aumentare iscritti sui social come Facebook, Twitter, Instagram e piattaforme simili attraverso la condivisione. 

Per fare questo però dovrai prima ascoltare i tuoi follower, anche attraverso le statistiche; ricordati: le statistiche vanno consultate sempre e periodicamente!
 
 

Piaciuto questo articolo? Perchè non leggi anche:

Last edit:

6 tipi di contenuti indispensabili sul t…

di Matteo Totaro tempo di lettura: 3 min